Skip to main content

Contributi alle PMI del Veneto per investimenti per la reingegnerizzazione dei processi di produzione che favoriscano il riutilizzo delle risorse produttive (economia circolare)

20 Aprile 2024

IL BANDO IN SINTESI
Con questo bando la Regione Veneto mette a disposizione
7.214.206 € di contributi a fondo perduto alle micro, piccole e medie imprese che effettuano investimenti volti a ridurre la produzione di rifiuti e a rendere i processi produttivi più rispettosi dell’ambiente.

Ciascuna impresa può presentare una domanda che può riguardare anche più sedi operative  in Veneto.

La percentuale del contributo varia a seconda del regime d’aiuto e della dimensione d’impresa, come precisato nella tabella al punto 5 di questa scheda.

 

Tipi di interventi per i quali si possono domandare contributi

Questo bando mette a disposizione contributi alle imprese che si impegnino a fare questi tipi di interventi:

  1. reingegnerizzazione del prodotto e/o del packaging del prodotto al fine di favorirne la durabilità, la riparabilità o le modalità di recupero, ivi inclusi gli impianti pilota;
  2. reingegnerizzazione impiantistica del processo o del prodotto volte alla sostituzione di materie prime o additivi utilizzati nel ciclo produttivo con rifiuti, End of Waste (già autorizzati o da autorizzare) o sottoprodotti, ivi inclusi gli impianti pilota;
  3. reingegnerizzazione del ciclo produttivo e/o modifiche gestionali del ciclo produttivo e della supply chain al fine di migliorare l’efficienza nella produzione tramite la riduzione dei consumi di risorse e degli scarti di lavorazione, ivi inclusi gli impianti pilota;
  4. reingegnerizzazione del ciclo produttivo, anche in sinergia con diverse realtà produttive, che prevenga la produzione di rifiuti attraverso la creazione di una filiera di sottoprodotti.

 

Spese ammissibili

Sono ammesse a contributo le spese, al netto IVA, relative a (vedi appendice per dettaglio):

A. Acquisto di impianti, macchinari, strumenti ed attrezzature:  a1) beni nuovi di fabbrica; a2) beni usati.

B. Spese relative ad immobili, edifici e terreni: b1)  Le spese relative all’acquisto del suolo sono ammesse nel limite del 10% della somma degli investimenti complessivi delle categorie a), d) ed e); b2)  Le spese relative all’acquisto degli immobili sono ammesse nel limite del 20 % della somma degli investimenti complessivi della categorie a) del progetto.

C. Spese per opere edili e impiantistiche: spese relative ad opere murarie e impiantistiche strettamente collegate alla funzionalità dell’intervento.

D. Licenze e servizi informatici inclusi servizi in cloud e software SaaS: spese di acquisizione di licenze e servizi informatici.

E. Brevetti e diritti di uso e sfruttamento: spese collegate all'utilizzo di tali brevetti, marchi e diritti.

F. Consulenze specialistiche e servizi esterni: al massimo il 20% della somma degli importi complessivi delle categorie a), b), c), d), e). 

G. Spese per garanzie:  spese connesse alla stipula di fideiussioni finalizzate alla presentazione di domande di anticipo.

H. Costi indiretti: costi indiretti calcolati ai sensi dell’art. 54 lettera a) del Reg. 1060/2021 con tasso forfettario del 5% relative alle lettere a), b), c), d), e), f), g) a copertura dei costi generali di gestione per cui è difficile determinare esattamente l'importo attribuibile all’attività progettuale.

 

Periodo di ammissbilità delle spese

Sono considerate ammissibili le spese, dettagliate in fattura, che risultino da fatture emesse e interamente pagate nel periodo indicato nella seguente tabella, a seconda del regime d’aiuto scelto.

Regime Periodo di ammissibilità delle spese e degli interventi
De minimis dal 1 gennaio 2023 al 18 novembre 2026
Esenzione dalla data di presentazione della domanda al 18 novembre 2026

 

Il contributo

La percentuale del contributo varia a seconda del regime d’aiuto e della dimensione d’impresa. Per approfondire i vantaggi e gli svantaggi dei diversi regimi d’aiuto, ti invitiamo a contattarci (i riferimenti sono al punto 8 della scheda informativa che trovi qui).

Regime Tipologia d’impresa Spesa minima ammissibile Spesa massima ammissibile Percentuale di contributo
De minimis micro, piccole e medie euro 50.000 300.000 € 70%
Esenzione
micro e piccole euro 50.000 300.000 € 55%
Esenzione medie euro 300.000 2.000.000 € 45%

 

Presentazione della domanda

Le domande di contributo devono essere obbligatoriamente caricate su un portale telematico dal 23 aprile 2024 ed entro le ore 17:00 del 18 luglio 2024.

La valutazione delle domande è basata su una serie di criteri di merito che serviranno a formare la graduatoria di punteggio.
Considerato questo aspetto, se ti invitiamo a prendere contatti con noi di ICS quanto prima (i riferimenti sono al punto 8 della scheda informativa che trovi qui), per poter verificare l’effettiva finanziabilità del progetto.

 

Per sapere se il tuo progetto ha le caratteristiche giuste per essere competitivo e cosa fare per renderlo più efficace, puoi contattarci compilando il form qui sotto!

Altri articoli recenti

01 Giugno 2024

Bando Fondazione Cariverona: contributi per lo  Sviluppo Territoriale Partecipato 

03 Giugno 2024

Contributi Regione Veneto per Organizzazioni di Volontariato, Associazioni di Promozione Sociale e Fondazioni del Terzo Settore

31 Maggio 2024

Bando Format 2024 di Fondazione Cariverona, per progetti di educazione all’economia circolare

Chiedici informazioni sulle opportunità

Il nostro servizio nel contesto di ogni bando copre l’interezza delle attività finalizzate all’ottenimento del contributo.